15078939_1542415072452201_4540947285428915901_n

L’ANPI e la Comunità Islamica di Torino promuovono un ciclo di confronti con le altre comunità religiose, studiosi e istituzioni, sull’inquietante e complesso fenomeno della c.d. “radicalizzazione” e diffusione dell’estremismo. L’obiettivo è duplice.

Da un lato, innanzitutto, cercare di comprendere le cause profonde e le caratteristiche di un fenomeno che il Parlamento europeo (nella risoluzione dello scorso 25 novembre) sintetizza nella “tendenza delle persone ad abbracciare opinioni, pareri e idee intolleranti suscettibili di portare all’estremismo violento”. Dall’altro individuare misure, interventi e programmi in grado di prevenire tale tendenza, e riaffermare e consolidare le molte e buone ragioni del pluralismo e dell’impegno per una convivenza pacifica tra persone uguali (nei diritti e nei doveri) e, al tempo stesso, libere e perciò diverse.

Insieme, per contrastare e prevenire la radicalizzazione e l’estremismo.

Il primo appuntamento è per giovedì 24 novembre alle ore 18 presso la Moschea Omar Ibn Al- Khattab – 

via Saluzzo 18, Torino

Al primo incontro si confronteranno

MOHAMED ABDU RAHMAN, Presidente Moschea Omar Katab via Saluzzo

MARIA GRAZIA SESTERO, presidente ANPI Provinciale

DARIO DISEGNI, Presidente Comunità Ebraica

FREDO OLIVERO, Pastorale Migranti

PAOLO RIBET, Pastore Comunità Valdese

FRANCESCO GIANFROTTA, Magistrato, già Pubblico Ministero dei processi contro il terrorismo

Introduce ANDREA GIORGIS

Hanno contribuito ad organizzare l’incontro e saranno altresì presenti:

Raffaele Scassellati (Presedente ANPI Nicola Grosa), don Mauro Mergola (Parroco S.Salvario), Patrizia Mathieu (concistoro valli Valdesi), Ibrahim Abu Ismail (Presidente Associazione Azeytouna L’Olivo di Torino), Serena Martini (Progetto San Salvario e le sue religioni), Erika Mattarella (Direttrice presso Bagni pubblici via Aglié), Carlo Foppa (Segretario ANPI Martorelli), Faouzi Hajsassi (Moschea al Madina).

Annunci