raimo bella.jpg

 

Nell’ambito della sezione OFF del Salone Internazionale del Libro, siamo lieti di ospitare l’incontro con Christian Raimo.

Tra i consulenti del Salone Internazionale del Libro, Christian Raimo è scrittore di saggi sulla politica contemporanea, romanzi dove i personaggi di finzione si intrecciano al destino dell’Italia, ai suoi cambiamenti e mutazioni. Da tre anni è anche assessore alla cultura del III municipio di Roma, dove ha ideato «Grande come una città», un programma di pedagogia pubblica con incontri e lezioni aperte gratuite nella capitale, portando la politica fuori dai luoghi istituzionali, immaginando di trasformare il III municipio in una grande comunità che discute e si confronta sui temi del presente incontrando pensatori radicali e autorevoli, per rispondere al bisogno di qualità del pensiero che la società esprime.

In dialogo con l’assessore alla Cultura del Comune di Torino e Daniela Patti, fondatrice di www.eutropian.org, osservatorio di pratiche urbane collaborative.

Incontro con ingresso gratuito ore 19,00.

La presentazione rientra negli appuntamenti promosso dal Salone Internazionale del Libro –  sezione OFF e Passaggio a Nord Ovest,  progetto di promozione della lettura nato da una vasta e forte rete territoriale che crede che anche in contesti periferici, a nord ovest della città di Torino, nei quartieri Barriera di Milano, Barca e Bertolla e Falchera, la lettura possa essere uno strumento di promozione culturale e coesione sociale.

Chi è Christian Raimo?
Christian Raimo (1975) è nato a Roma, dove vive e insegna.  Scrittore e traduttore, docente di filosofia. Attualmente è Assessore alla Cultura del Municipio III a Roma e promotore del progetto Grande come una città. Di recente ha pubblicato per minimum fax Le persone, soltanto le persone (2014), e Figuracce (Einaudi Stile libero 2014). Per Einaudi ha inoltre pubblicato Il peso della grazia (2012), Tranquillo prof, la richiamo io (2015), Tutti i banchi sono uguali (2017), Ho 16 anni e sono fascista. Indagine sui ragazzi e l’estrema destra (Piemme, 2018) e La parte migliore (2018).
È tra i fondatori e coordina il blog letterario Minima&moralia ed è curatore della sezione reportage nel sito di Internazionale.